Pompa per aspirazione fanghi di impianti waterjet o taglio all’acqua.

Recupero abrasivo esaurito di impianti waterjet, criticità.

Gli impianti per taglio all’acqua o waterjet si sono rapidamente diffusi perché consentono o semplificano lavorazioni di taglio complesse per le quali in passato sarebbe stato necessario molto tempo. I sistemi di taglio waterjet possono tagliare materiali molto duri e di grande spessore, ma per effettuare la lavorazione, oltre al getto di acqua a grande pressione, è necessario l’uso di notevoli quantità di abrasivo che combinato con la grande velocità prodotta dall’acqua pressurizzata rende possibile il taglio di materiali molto difficili come metalli e materiali lapidei. L’abrasivo utilizzato è costituito da cristalli di sabbia speciale che con l’uso tende ad esaurirsi perdendo le proprietà geometriche di taglio, ponendo un nuovo problema, quello dell’aspirazione fanghi abrasivi.

Recupero abrasivo esaurito, difficoltà.

Una volta esaurito, l’abrasivo deve essere sostituito e smaltito. Dato che l’abrasivo esaurito si trova nella forma di fango fluido deve essere recuperato separandolo dall’acqua mediante l’impianto di filtrazione di cui la macchina da taglio waterjet è normalmente dotata.

Certamente le macchine per taglio all’acqua waterjet si sono molto evolute nel tempo e con esse anche gli accessori forniti a loro completamento, come gli impianti di filtrazione e recupero e re-immissione dell’acqua di processo, più raramente, quelli di aspirazione dell’abrasivo esaurito.

Curioso il fatto che malgrado la continua evoluzione tecnologica delle macchine per taglio all’acqua, spesso molti problemi “originari” ancora oggi persistono, uno di questi, è l’accumulo del fango abrasivo nella vasca ed il suo recupero. Questo aspetto crea un notevole disagio all’utilizzatore che si trova a dover rimuovere grandi quantità di deposito di fango abrasivo, difficile da smuovere ed aspirare ed altamente erosivo per le pompe generalmente (inadeguate) montate di primo impianto sulla grande maggioranza delle macchine.

Ma esiste una soluzione a questo problema?

In una certa misura la risposta è SI, una pompa Hose Carrier è un grado di generare un vuoto molto elevato ed aspirare un fango denso e molto abrasivo resistendo perfettamente alla azione altamente erosiva della sabbia da taglio, insensibile al funzionamento intermittente o a secco, la pompa Hose Carrier può essere utilizzata utilizzando il tubo di aspirazione allo stesso modo di come si opera con un aspirapolvere recuperando il fango abrasivo che si raccoglie sul fondo della vasca a patto che lo stesso non sia ormai sedimentato e concrezionato da molto tempo.

L’utilizzo frequente della pompa Hose Carrier preserva anche l’impianto di ricircolo dell’acqua di processo da rapida usura, dato che in genere sugli impianti di prima fornitura, molto raramente vengono utilizzate pompe effettivamente adatte (e ovviamente molto più costose).

Le pompe Hose Carrier della grandezza 35 e 40 sono i modelli tra i più utilizzati dagli utenti di impianti di taglio ad acqua waterjet.

Particolarmente diffuse nel settore della lavorazione di marmi e materiali lapidei, le pompe Hose Carrier sono particolarmente adatte anche a trattare fanghi altamente erosivi come quelli generati dal taglio di materiali metallici dove oltre ai cristalli di sabbia erosiva si aggiunge il particolato metallico finissimo generato dal processo di taglio waterjet.

Maggiorni informazioni sulla pompa : Hose Carrier HCP 35

Mi interessa ma senza impegno, tienimi informato